Direttore responsabile: Dott.ssa Antonella Bisceglia
Bandiera Europa





Press Regione

di Gioia su ddl Caccia e PSR

“Dopo aver atteso quasi 20 anni, la Puglia si appresta a vedere varato un testo organico di riforma del settore della caccia. Quest'oggi, infatti, è stato approvato in IV Commissione, e nella quasi totale condivisione, un importante disegno di legge per regolamentare e migliorare il settore faunistico”. È il commento dell’assessore alle Risorse agroalimentari della Regione Puglia, Leonardo di Gioia, a margine della riunione di IV Commissione regionale, che ha licenziato il DDL n. 67 del 02/05/2017 'Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio'.
“Grande soddisfazione, quindi, per un risultato che è stato di squadra. Il ddl, che seguirà l’iter legislativo per la sua definitiva approvazione, adegua la vecchia legge del 1998 alla normativa nazionale di settore, nell’ottica della regolamentazione dell’attività di caccia e della protezione faunistica come risorsa ambientale nel medio-lungo termine. Il ddl è una riforma importante votata da tutti i colleghi commissari, eccezion fatta per quelli del Gruppo 5 stelle che, nonostante voto contrario, hanno contribuito in maniera fattiva a emendare e migliorare il testo”.

In merito ai chiarimenti chiesti in Commissione circa il funzionamento del portale telematico, messo a punto da Innovapuglia, utile all’espletamento delle procedure informatiche per l’accesso ai finanziamenti previsti dal PSR 2014-2020, l’assessore di Gioia precisa “che il giudizio negativo sull'operatività del portale telematico PSR non può e non deve essere confuso con un giudizio negativo sulle politiche di sviluppo rurale regionali. Il PSR, con le modifiche che stiamo via via apportando d’intesa con il partenariato, è oggi strumento strategico per lo sviluppo del comparto agricolo e, sopratutto, per gli agricoltori, se pur nella limitatezza oggettiva delle risorse disponibili. Le polemiche – conclude - sono strumentali e mistificano la realtà. Il PSR è in forte e dinamica attività, lo abbiamo detto a più riprese e lo ribadiamo oggi”.

 

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Lun, 17 Luglio 2017 @ 19:05  » Comunicati S. Stampa Giunta «
Negro visita Irccs "Medea" di Brindisi
L’Assessore regionale al Welfare, Salvatore Negro, ha visitato questa mattina l’Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico “Eugenio Medea” di Brindisi esprimendo grande apprezzamento per l’attività clinica e di ricerca svolte dall’Equipe dell’Unità per le Disabilità Gravi in Età Evolutiva e Giovane Adulta, diretta dal dr. Antonio Trabacca. Accolto e guidato nella visita dal Direttore di Polo, dr.ssa Maria Grazia Bacco e dal dr. Antonio Trabacca, è entrato nel cuore del servizio di alta specialità riabilitativa in campo pediatrico svolto dal Polo di Brindisi dell’IRCCS Medea, da anni impegnato nell'ambito delle disabilità infantili più complesse. Un servizio di elevato livello, a valenza regionale ed extraregionale, ampiamente riconosciuto dalla Regione Puglia che lo ha dichiarato Centro di Riferimento Regionale per le Paralisi Cerebrali Infantili, il Disturbo dell’Attività e dell’Attenzione - A.D.H.D. e i Disturbi dello Spettro Autistico. Oggi anche Presidio delle Rete Nazionale delle Malattie Rare in età evolutiva. “Ho avuto l’opportunità di conoscere una eccellenza sanitaria, orgoglio del nostro territorio, che contribuisce a migliorare la qualità della vita dei nostri amatissimi pugliesi più piccoli meno fortunati” ha affermato l’Assessore Salvatore Negro al termine della visita, particolarmente colpito dall’incontro con i genitori e con i piccoli pazienti ricoverati. Nell’IRCCS Medea di Brindisi, l’attività clinica, infatti, è affiancata da una importante attività scientifica con pubblicazioni a livello nazionale e internazionale. L’intera Equipe è coinvolta in progetti di ricerca, sia propri, sia in collaborazione con gli altri poli dell’Istituto in Italia e con altri Enti, volti a migliorare la qualità della vita di tanti bambini con disabilità che si affidano alle loro cure, ricerche che trovano immediata applicazione nella clinica.
Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Lun, 17 Luglio 2017 @ 17:10  » Comunicati S. Stampa Giunta «
Interreg Italia-Grecia: 187 progetti approvati

187 progetti su 349 proposte hanno superato la prima fase di valutazione amministrativa e di eleggibilità riferita alla prima call per progetti ordinari del Programma Interreg V-A Grecia Italia 2014 -2020. L’elenco dei progetti è stato condiviso e approvato dal Comitato di Sorveglianza che ha ratificato i risultati della prima fase di valutazione. La dotazione finanziaria della prima call del Programma, che si è chiusa il 15 dicembre 2016, è stata di € 53.148.184.

Il Programma è co-finanziato all’85% dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) e prevede una quota di co - finanziamento nazionale pari al 15%. Il budget totale del Programma è di euro 123.176.896. “La cooperazione transfrontaliera si conferma uno strumento di crescita per il territorio pugliese che esprime sempre con maggiore evidenza la sua vocazione internazionale” ha sottolineato Michele Emiliano Presidente della Regione Puglia. Innovazione, sostenibilità e promozione culturale sono le parole chiave di questo percorso per attuare a livello regionale la politica di coesione dell’Unione Europea”.

I progetti ammessi alla seconda fase di valutazione qualitativa risultano essere ripartiti nei seguenti Assi di Finanziamento:

• 64 progetti Asse 1

•106 progetti Asse 2

• 17 progetti Asse Assi Prioritari

Proposte Ammissibili Obiettivi Specifici Proposte Ammissibili per Obiettivo Specifico

1. Innovazione e Competitività

64

1.1 Fornire servizi di sostegno all'innovazione e allo sviluppo di clusters lungo le frontiere per favorire la competitività. 3

8

1.2 Sostenere l'incubazione di micro e piccole imprese innovative specializzate nei settori tematici di interesse per l'area programma.

26

2. Gestione integrata dell’ambiente

106

2.1 Valorizzazione del patrimonio culturale e delle risorse naturali come un bene territoriale dell'Area del Programma

68

2.2 Miglioramento dei piani congiunti di gestione e di governance per la biodiversità degli ecosistemi costieri e rurali, prestando attenzione alle risorse naturali, alle aree protette e allo sviluppo in materia di misure di protezione ambientale

20

2.3 Sviluppo e sperimentazione di tecnologie innovative/ strumenti per la riduzione dell’inquinamento marino e l'inquinamento

18

3. Sistema dei Trasporti multimodale e sostenibile

17

3.1 Promuovere a livello transfrontaliero il trasporto marittimo, la capacità di trasporto a corto raggio e i collegamenti dei traghetti

6

3.2 Migliorare il coordinamento transfrontaliero tra gli stakeholders nel settore dei trasporti sull'introduzione di soluzioni ecocompatibili multimodali

11 Totale Proposte Ammissibili 187

162 proposte non hanno soddisfatto i criteri di ammissibilità ed eleggibilità prevista dalla call.

Il Segretariato, di concerto con l’Autorità di Gestione, ha già provveduto ad inviare comunicazione formale ai Lead Beneficiaries, i cui progetti non sono risultati ammissibili. Per tutti i progetti che accedono alla fase qualitativa la MA/JS sta provvedendo, in questi giorni, all'invio di una comunicazione ufficiale ai rispettivi capofila. Il Programma Interreg V A Grecia–Italia 2014-2020 è un programma bilaterale di cooperazione transfrontaliera, co-finanziato dall’Unione Europea attraverso il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) e dai due stati membri con una quota nazionale. Il Programma ha come obiettivo principale la definizione di una strategia di crescita transfrontaliera tra la Puglia e la Grecia, finalizzata allo sviluppo di un’economia dinamica basata su sistemi smart, sostenibili e inclusivi per migliorare la qualità della vita dei cittadini di queste regioni.

Le aree eleggibili sono: Italia: Regione Puglia: Province di Foggia, Bari, Brindisi, Lecce, Barletta-Andria-Trani (BAT), Taranto Grecia: Regione della Grecia Occidentale: Aitoloakarnania, Achaia, Ileia Regione delle Isole Ionie: Zakynthos, Kerkyra, Kefallinia, Lefkada Regione dell’Epiro: Arta, Thesprotia, Ioannina, Preveza

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Lun, 17 Luglio 2017 @ 16:41  » Comunicati S. Stampa Giunta «
Protocollo ITACA.Delibera disponibile su sito

 L'assessore Anna Maria Curcuruto informa che, in attesa che venga pubblicata sul BURP la delibera n. 1147 dell’11 luglio 2017, relativa al “Protocollo ITACA PUGLIA 2017 – EDIFICI NON RESIDENZIALI”, la stessa è rilevabile su :

http://beta.regione.puglia.it/web/orca

http://beta.regione.puglia.it/web/orca/abitare-sostenibile

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Lun, 17 Luglio 2017 @ 09:13  » Comunicati S. Stampa Giunta «
Fondo affitti, Curcuruto: altri dieci milioni per contributi

La Giunta Regionale ha messo a disposizione dieci milioni di euro da destinare al cofinanziamento regionale del Fondo Nazionale per il sostegno all’accesso alle abitazioni in locazione, anno 2015. Grazie all’azione congiunta dell’assessore alla Pianificazione Territoriale, Anna Maria Curcuruto, e dell’assessore al Bilancio, Raffaele Piemontese, questa somma, in aggiunta ai cinque milioni già resi disponibili, consentirà, nonostante il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti non abbia stanziato alcuna risorsa per lo stesso anno, la concessione dei contributi sui canoni di locazione 2015 ai soggetti meno abbienti.

"La somma complessiva di quindici milioni di euro che la Giunta Regionale ha reso disponibile – spiega Curcuruto - sarà con immediatezza ripartita tra i Comuni, per la successiva emanazione da parte dei Comuni medesimi dei bandi per l’individuazione dei soggetti destinatari dei contributi”.

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Lun, 17 Luglio 2017 @ 08:30  » Comunicati S. Stampa Giunta «
FEAMP 2014-2020,di Gioia:"Al via i primi bandi per imprese di pesca"

 

Al via i primi tre bandi a sostegno della pesca e dell’acquacoltura con il Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e la Pesca (Feamp) 2014-2020, che prevede per la Puglia una dotazione finanziaria complessiva di circa 90 milioni di euro.

 

“Sono tre gli avvisi approvati  che finanziano – dichiara l’assessore alle Risorse Agroalimentari della Regione Puglia, Leonardo di Gioia - l’ampliamento e la realizzazione di nuovi impianti di acquacoltura, l’ammodernamento di quelli esistenti e gli investimenti a sostegno della competitività delle aziende che operano nel settore della trasformazione e commercializzazione. Tre importanti opportunità, quindi, per un settore strategico della nostra Regione che favoriscono l’innovazione sia delle strutture sia dei processi produttivi delle imprese pugliesi che operano nei settori della trasformazione dei prodotti ittici e nel settore dell’acquacoltura. Per questi avvisi sono state allocate risorse per più di 20 milioni di euro che potranno finanziare investimenti finalizzati all’efficientamento produttivo, al risparmio energetico e alla riduzione dell’impatto sull’ambiente, al miglioramento della sicurezza, dell’igiene e delle condizioni di lavoro”.

 

Dopo la recente adozione del Manuale delle Procedure per l’attuazione del FEAMP, la Regione Puglia ha approvato, quindi,  tre bandi per la presentazione di proposte progettuali a valere sulle risorse disponibili nella misura 5.69 ‘Trasformazione dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura’ (10,6M€), nella misura 2.48 lett. a ‘Investimenti produttivi nel settore dell'acquacoltura’ (4M€) e nella misura 2.48 lett. c ‘Investimenti per l’ammodernamento delle unità di acquacoltura’ (5,6M€).

Il termine ultimo per l’invio delle domande di sostegno è fissato al 75° giorno successivo alla data di pubblicazione dell’Avviso sul B.U.R.P.

 

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Ven, 14 Luglio 2017 @ 18:47  » Comunicati S. Stampa Giunta «
Capone sul nuovo bando di Pugliapromozione: "Far conoscere le nostre bellezze"

 L’Agenzia Pugliapromozione lancia un nuovo avviso pubblico per la raccolta di proposte progettuali, InPuglia365 ESTATE, in linea con le strategie di marketing territoriale messe a punto con il Piano strategico regionale del Turismo Puglia365. Si tratta di attività di fruizione turistica, per i mesi di agosto e settembre 2017 sino all’1 ottobre 2017, da realizzare nelle località dell’entroterra pugliese destinate ai turisti che giungono in Puglia e agli stessi pugliesi. In particolare servizi gratuiti per la conoscenza e la fruizione dei territori meno noti, ma turisticamente rilevanti.

Le iniziative riguarderanno la fruizione di itinerari slow nella natura, la conoscenza del paesaggio urbano e culturale e dell’architettura rurale, dei borghi e delle produzioni agroalimentari e artigianali, puntando decisamente come scelta strategica al cicloturismo e alla realizzazione di attività esperienziali in grado di promuovere uno stile di vita sano e gradevole.

“Il connubio cultura e turismo è uno dei punti di forza della Regione Puglia su cui puntare, come emerso dal piano strategico “Puglia 365” anche in ragione di un target di turisti che amano abbinare al mare la conoscenza dell’entroterra di una destinazione che è anche culturale – commenta l’Assessore all’Industria Turistica e Culturale, Loredana Capone - Con questa iniziativa si vuole valorizzare l’offerta turistica con la predisposizione di un programma di attività e servizi gratuiti destinati alla fruizione, all’animazione e alla promozione turistica delle località dell’entroterra. Il programma In Puglia 365-ESTATE, ha lo scopo di promuovere il patrimonio diffuso, coinvolgendo luoghi d’arte, cultura e natura per potenziare l’offerta turistica pugliese nelle aree non costiere, favorendo l’accessibilità e la conoscibilità degli attrattori turistici/culturali. In questo modo offriamo anche agli operatori turistici locali la possibilità di associare le proprie proposte economiche ad un complesso di attività pubbliche e gratuite”.

 

... continua
Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Ven, 14 Luglio 2017 @ 11:01  » Comunicati S. Stampa Giunta «
di Gioia su agriturismi: "Iter di accreditamento snello e veloce"

 Al via la nuova procedura amministrativa per il rilascio dei certificati agli operatori agrituristici, come da legge regionale n. 42 del 2013.

“Una procedura snella che consente ai beneficiari di superare l’impasse vissuto da agosto 2016 e relativo alla gestione prima affidata alle Province”. E’ il commento dell’assessore alle Risorse agroalimentari della Regione Puglia, Leonardo di Gioia, dopo l’approvazione, da parte della Giunta regionale, della deliberazione n. 704 del 16 maggio 2017, revocante la precedente del 2014, che individuava le Province tra i soggetti coinvolti nelle attività amministrative da svolgere in attuazione della legge.

“Il recente provvedimento si è reso necessario data la difficoltà delle Province a svolgere il coordinamento dell’attività istruttoria dei Comuni e a tenere gli elenchi degli operatori agrituristici – commenta di Gioia - difficoltà dovuta al depauperamento del personale provinciale per effetto della cosiddetta legge ‘Del Rio’, peraltro rimasta incompiuta”.

“Si torna quindi alla gestione delle istanze degli operatori agrituristici da parte dei Comuni – spiega di Gioia - che devono svolgere pienamente il loro ruolo, così come indicato dalla norma. La Regione, da parte sua, sta già gestendo l’elenco degli operatori a livello centrale e ha già preso in carico tutti i procedimenti non ancora conclusi, al fine di superare il blocco determinatosi negli scorsi mesi. L’attività procede spedita e, ad oggi, sono stati rilasciati circa 30 certificati. Inoltre, i fascicoli rimasti inevasi nelle sedi provinciali dovranno pervenire ai Servizi territoriali regionali per una loro celere istruttoria”.

“Le funzioni di vigilanza e di controllo sul mantenimento dei requisiti soggettivi e oggettivi degli operatori in elenco restano, ad ogni modo, sempre in capo ai Comuni, i quali dovranno svolgere la necessaria istruttoria entro i termini previsti dalla legge regionale, trasferendone gli esiti alla Regione”.

“La novità introdotta dall’atto di Giunta – conclude - riguarda i poteri sostitutivi, in caso di inadempienza del Comune, che tornano in capo alla Regione: qualora l’amministrazione comunale non comunichi l’esito dell’istruttoria entro i termini stabiliti (60 giorni), il richiedente può rivolgersi direttamente ai servizi territoriali regionali competenti che devono dare risposta entro trenta giorni”. (COM)

 

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Ven, 14 Luglio 2017 @ 10:23  » Comunicati S. Stampa Giunta «
Santorsola: Giunta approva risorse per bonifiche siti inquinati
“La Giunta regionale di oggi ha approvato una deliberazione con cui destiniamo risorse importanti alla bonifica dei siti inquinati: attraverso un avviso pubblico rivolto alle Amministrazioni e agli Enti pubblici pugliesi intendiamo finanziare a valere sulle risorse dell’Azione 6.2 “Interventi per la bonifica di aree inquinate” per un importo pari a 68 MEURO a cui si aggiungono le risorse del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione (FSC) 2014-2020 relative al “Patto per la Puglia” - Settore Ambiente pari a 70 MEURO”. Così l’assessore alla Qualità dell’Ambiente della Regione Puglia, Domenico Santorsola, annuncia l’intervento a favore degli enti locali con finalità di bonifica delle situazioni di pericolo. “Il Programma Operativo FESR FSE 2014-2020 Asse VI “Tutela dell’ambiente e promozione delle risorse naturali e culturali” (FESR) fissa la priorità d’investimento 6.e) intitolata “Agire per migliorare l’ambiente urbano, rivitalizzare le città, riqualificare e decontaminare le aree industriali dismesse (comprese le aree di riconversione), ridurre l’inquinamento atmosferico e promuovere misure di riduzione dell’inquinamento acustico” perseguita attraverso l’Azione 6.2 denominata “Interventi per la bonifica di aree inquinate. Oggi – prosegue Santorsola – attraverso un avviso pubblico siamo in grado di mettere a disposizione le risorse per intervenire concretamente sulle piccole-grandi problematiche presenti sull’intero territorio regionale”. “Le risorse permetteranno quindi di sostenere il disinquinamento, la messa in sicurezza e il recupero delle aree inquinate e degradate del territorio regionale anche in riferimento ai siti industriali dismessi ed ai siti con situazioni di criticità storica, costituiti anche dalle ex discariche r.s.u. esercite ai sensi dell’art. 12 DPR 915/82 e dell’art. 13 del D.lgs 22/97. Avremo modo, attraverso le candidature degli enti locali, di costruire un quadro conoscitivo sullo stato di salute del nostro territorio, potremo intervenire riducendo le sostanze inquinanti e restituire ad usi legittimi le aree inquinate attraverso la riconversione delle aree. Superate le fasi di ammissibilità formale e tecnica delle istanze – conclude Santorsola – attraverso una istruttoria tecnica si procederà ad avviare le attività finanziate dai fondi”.
Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Gio, 13 Luglio 2017 @ 18:46  » Comunicati S. Stampa Giunta «
Negro su dati Istat su povertà
“I dati diffusi dall’Istat sull’incidenza di povertà in Puglia sono molto confortanti e ci spingono a continuare a lavorare nella direzione intrapresa da questo Governo regionale con misure a sostegno del reddito delle famiglie più povere”. Lo ha sottolineato l’assessore regionale al Welfare Salvatore Negro commentando i dati ISTAT sull’incidenza della povertà in Puglia che è scesa dal 18,7% del 2015 al 14,5% del 2016. “Siamo una delle regioni del Sud meno difficile per le famiglie e stiamo lavorando per combattere le difficoltà che minano la sopravvivenza delle stesse”, ha continuato l’assessore Negro. “Il dato ISTAT sull’incidenza della povertà nella nostra regione ci dice che dobbiamo e possiamo continuare con misure intraprese come Reddito di dignità (RED), i buoni servizio per il sostegno alla domanda di servizi per l’infanzia e la non autosufficienza, il fondo per il sostegno ai genitori, ad integrazione della previdenza di categoria, la legge sulla lotta agli sprechi alimentari e farmaceutici. Non abbiamo la bacchetta magica e siamo consapevoli che le difficoltà che si trovano ad affrontare le famiglie pugliesi siano tante. Ma siamo certi che quel dato ISTAT può essere ancora migliorato nel tentativo di allinearci alle altre realtà italiane delle regioni del Nord. Anche perché misure come quella del Reddito di dignità sono destinate soprattutto a quei nuclei più numerosi e dove sono presenti delle disabilità”.
Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Gio, 13 Luglio 2017 @ 18:45  » Comunicati S. Stampa Giunta «
(PressRegione - Agenzia Giornalistica,
Direttore responsabile Elena Laterza - Iscritta al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n. 26/2003)