Direttore responsabile: Dott.ssa Antonella Bisceglia
Bandiera Europa





Press Regione

Amianto. Nota Santorsola su proroga autonotifica



“Lo strumento dell’autonotifica, in relazione ai rischi provenienti da manufatti in amianto, rappresenta un elemento di approfondimento della conoscenza del problema, su base regionale, del quale l’amministrazione non può fare a meno in relazione alla necessitò di pianificare interventi ed individuare risorse. Il Piano regionale per la decontaminazione dall’amianto, approvato nel 2015, ha come presupposto essenziale un quadro conoscitivo della situazione che fotografi l’intero territorio regionale. Sebbene, alla scadenza inizialmente fissata al 21 aprile scorso, siano giunte quasi 6mila autonotifiche che hanno evidenziato lo stato di conservazione e i rischi riguardanti circa 5.700 tonnellate di materiale (tra friabile e compatto) presente nella nostra regione, riteniamo che i dati non siano esaustivi”. Così l’Assessore alla Qualità dell’Ambiente della Regione Puglia, Domenico Santorsola, motiva la proroga per la consegna delle auto notifiche, approvata ieri dalla Giunta regionale( come da agenzia regionale 764.17)

“Circa il 60% delle autonotifiche giunge dalle province di Lecce e di Bari; i dati provenienti dalle altre province sono troppo bassi per essere verosimili, per questo proroghiamo termini sperando che, ancora una volta, la sensibilità dei cittadini e delle istituzioni locali ci permetta di arricchire il quadro ed avere idee più precise in modo da poter intervenire efficacemente. Intendiamo – prosegue Santorsola – individuare dei criteri di premialità per i comuni che saranno stati particolarmente sensibili nel coinvolgere i cittadini e nel segnalare la presenza di manufatti da attenzionare. L’obiettivo comune è quello di contenere i rischi di esposizione e di avviare una strategia regionale di corretto smaltimento dell’amianto ed invitiamo tutti a collaborare con questo obiettivo comune”.

 

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mer, 12 Luglio 2017 @ 11:03  » Comunicati sedute Giunta Regionale «
Giunta vara accordo di finanziamento per Tecnonidi


Capone: “Così favoriamo la formazione di nuove start up e le accompagniamo sui mercati”

La giunta regionale vara le linee di indirizzo dell’incentivo Tecnonidi e prende atto dell’accordo di finanziamento che costituisce il relativo fondo, individuando la società regionale in house Puglia Sviluppo quale gestore del fondo.
Sono gli atti che precedono la pubblicazione dell’avviso Tecnonidi, il più innovativo dei bandi regionali per chi intende avviare o sviluppare investimenti a contenuto tecnologico. Una misura che sarà attivata nel corso dell’estate con procedura online.
Trenta milioni di euro la dotazione e nessuna data di scadenza.
Ne dà notizia l’assessore allo Sviluppo economico Loredana Capone, che ha portato in giunta il provvedimento nella seduta di oggi, 4 luglio 2017.
“Tecnonidi – spiega – unisce alla creazione di Nuove iniziative di impresa, (Nidi appunto) l’elemento dell’innovazione per dare concretezza ad una precisa strategia. Il nostro obiettivo è favorire da un lato l’autoimpiego che è una forma di contrasto forte alla disoccupazione, dall’altro i progetti ad alto contenuto innovativo per incentivarli nella fase iniziale e accompagnarli sul mercato fino all’industrializzazione. Tutto questo perché è l’innovazione il valore aggiunto di qualsiasi merce e di qualsiasi servizio. Ed è l’innovazione che consente ad una merce di arrivare sui mercati e di restarci. Ma l’innovazione va veloce, per questo l’intensità del finanziamento è particolarmente alta, una delle più elevate in Italia: ben 80% degli investimenti ammissibili, divisi tra una sovvenzione e un prestito rimborsabile.
Si tratta infatti di progetti che difficilmente riescono ad accedere al credito. Ci siamo rivolti, inoltre, non solo alle start up iscritte nell’omonimo registro speciale, come fanno i bandi nazionali, ma anche ad imprese con un profilo innovativo e un progetto innovativo, che sarà chiaramente valutato da un esperto. Chi ha già un’idea e vuole industrializzarla trova in Tecnonidi lo strumento giusto. E questo vale non solo per le imprese pugliesi, ma anche per aziende di altre regioni o di altri Paesi, purché vogliano investire in Puglia. Dunque una misura pensata anche per attrarre investimenti nella nostra regione con un progetto che potrà arrivare fino a 350mila euro, tra investimenti e funzionamento e che includerà tra le altre cose anche il marketing via web, la connettività, le consulenze sull’innovazione e sulla certificazione di prodotto.
Tecnonidi fa parte del programma regionale Jump Start Puglia, un piano articolato per la crescita attraverso la leva dell’innovazione.

Oltre a Tecnonidi, nella stessa seduta di giunta è stato approvato il rifinanziamento del fondo Microcredito costituito nel 2012 per concedere microprestiti ad imprese con difficoltà di accesso al credito. Anche in questo caso Puglia Sviluppo è il soggetto gestore del Fondo che ha una dotazione di 30 milioni di euro.
Nelle ultime sedute la Giunta ha approvato inoltre l’accordo di finanziamento per il fondo “Aiuti per la tutela dell’ambiente”, finalizzato a promuovere l’efficientamento energetico delle Pmi (60 milioni di euro la dotazione), ha rifinanziato Nidi con 54 milioni di euro e avviato la costituzione di un “Fondo Rischi” per migliorare l’accesso al credito delle Pmi che operano in Puglia (dotazione 60 milioni di euro).


Caratteristiche di Tecnonidi
Tecnonidi è lo strumento con cui la Regione Puglia offre un pacchetto di aiuti per l’avvio o lo sviluppo di un’impresa innovativa mediante un prestito rimborsabile ed una sovvenzione sia per gli investimenti e sia per i costi di funzionamento. Ha una dotazione di 30 milioni di euro e si rivolge alle piccole imprese di nuova costituzione o operative da cinque anni al massimo che, nel territorio della Regione Puglia, intendono avviare o sviluppare piani di investimento a contenuto tecnologico in una delle aree di innovazione (Manifattura sostenibile, Salute dell’uomo, Comunità digitali, creative e inclusive) o delle “tecnologie chiave” abilitanti individuate dalla Regione Puglia nel documento Smart Specialitation Strategy. L’importo complessivo del progetto imprenditoriale dovrà essere compreso tra 25mila e 350mila euro, di cui massimo 250mila euro destinati ai costi di investimento e 100mila euro destinati ai costi di funzionamento. L’agevolazione per i costi di investimento è pari all’80% dei costi ammissibili ed è costituita da una sovvenzione (40% del totale) e da un prestito rimborsabile (40% del totale). L’agevolazione per i costi di funzionamento è pari all’80% delle spese ammissibili.
Per tutti i progetti proposti ad agevolazione verrà acquisito il giudizio di esperti indipendenti, di elevate competenze tecnico-scientifiche individuati negli albi tenuti da ministero dello Sviluppo economico e Arti, finalizzato a valutare la possibilità per l’impresa proponente di sviluppare in un futuro prevedibile prodotti, servizi o processi nuovi o sensibilmente migliorati rispetto allo stato dell'arte nel settore interessato.
L’iniziativa viene attuata da Puglia Sviluppo S.p.A. – società interamente partecipata dalla Regione Puglia.

 

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mar, 04 Luglio 2017 @ 17:40  » Comunicati sedute Giunta Regionale «
Giunta regionale conclusa. Altre notizie

Di seguito, altre notizie, in sintesi, discusse ed approvate dalla Giunta regionale:

 

 La Giunta regionale ha approvato l’istituzione del “ Tavolo tecnico consultivo forestale della Regione Puglia”.
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

Approvato dalla Giunta regionale uno schema di ddl che modifica in alcuni punti la legge regionale dello scorso febbraio (3 febbraio 2017, n.1) in materia di Consorzi di Bonifica.
In particolare, come si legge nella relazione che accompagna il provvedimento, le modifiche all’art. 1 comma 1 lett. a), all’art. 2 (titolo, comma 1, comma 2, comma 6, comma 7), all’art. 12 comma 3, sono funzionali a chiarire e migliorare l’operatività del Commissario straordinario unico nelle sue funzioni di accompagnamento della trasformazione dei quattro singoli Consorzi di bonifica nell’unico Consorzio di bonifica Puglia Sud.
Le modifiche all’art. 1 comma 1 lett. c), all’art. 2 (soppressione comma 5 e comma 7) e all’art. 3 (titolo, comma 1, inserimento comma 1bis, comma 2 e comma 4), sono funzionali a chiarire meglio gli aspetti della definizione della esposizione debitoria dei consorzi interessati, senza pregiudizio per nessuno dei creditori e quale mero strumento per una anticipata definizione transattiva delle esposizioni debitorie in essere su base volontaria dei creditori.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
LA Giunta regionale ha approvato il Piano delle Attività regionali per contrastare il Gioco d’azzardo. Con la stessa deliberazione, l’Esecutivo ha costituire una Cabina di regia, così composta:
Dirigente del Servizio Governo dell’Assistenza alle persone in condizioni di fragilità;
Referente Scientifico del Piano nella persona della dr.ssa Margherita Taddeo – Asl Taranto;

 n. 1 Direttore di Dipartimento Dipendenze Patologiche;

 n. 1 Rappresentante dell’Assessorato regionale al Welfare;

 n. 1 Rappresentante dell’Organizzazione "Mettiamoci in gioco";

 n. 1 rappresentante ANCI;

 n. 1 rappresentante Consulta Regionale Antiusura;

 n. 1 rappresentante Ufficio Scolastico Regionale;

 n. 1 Funzionario del Servizio Governo dell’Assistenza alle persone in condizioni di fragilità, quale Segretario;
La Giunta ha inoltre precisato che la partecipazione alle riunioni del suddetto Organismo non comporta oneri a carico del bilancio regionale.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
Approvato dalla Giunta regionale il calendario ufficiale delle manifestazioni fieristiche internazionali, nazionali e regionali 2018.

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
La Giunta regionale ha espresso indirizzo di approvazione del progetto definitivo, per la realizzazione del progetto industriale da realizzarsi negli anni 2016 - 2018, presentata dall’impresa Progeva S.r.l. – Laterza (Ta) per un importo complessivo ammissibile di € 8.775.205,81 comportante un onere a carico della finanza pubblica di €. 2.811.623,55 e con la previsione di realizzare nell’esercizio a regime un incremento occupazionale non inferiore a n. + 06 unità lavorative (ULA)
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
La Giunta regionale ha espresso indirizzo di approvazione per il progetto definitivo per la realizzazione del progetto industriale da realizzarsi negli anni 2017-2019, presentata dall’impresa TEMA SISTEMI S.p.A - Ravenna (Ra) per un importo complessivo ammissibile di € 2.545.633,72 comportante un onere a carico della finanza pubblica di €. 1.358.836,86 e con la previsione di realizzare nell’esercizio a regime un incremento occupazionale non inferiore a n. + 08 unità lavorative (ULA)
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
La Giunta regionale ha espresso indirizzo di approvazione del progetto definitivo, per la realizzazione del progetto industriale da realizzarsi negli anni 2017 - 2018, presentata dall’impresa Farmalabor S.r.l. – Canosa di Puglia (Bt) per un importo complessivo ammissibile di € 5.590.728,08 comportante un onere a carico della finanza pubblica di €. 2.082.256,71 e con la previsione di realizzare nell’esercizio a regime un incremento occupazionale non inferiore a n. + 03 unità lavorative (ULA)
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
La Giunta regionale ha approvato lo schema di convenzione tra la Regione Puglia, Province e Città Metropolitana per la gestione dei servizi di assistenza specialistica e per l’integrazione scolastica dei disabili per l’anno scolastico 2017-2018
Si tratta nel complesso di 8 milioni di euro, la cui prima tranche, pari a 5 milioni di euro, è stata così ripartita:
PROV Quota ripartita su Pop residente Quota ripartita su Alunni in carico Totale somma assegnata (I^ tranche per a.s. 2017-2018)
BA 667.500,00 842.500,00 1.510.000,00
BT 237.500,00 383.500,00 621.000,00
BR 232.500,00 260.000,00 492.500,00
FG 452.500,00 348.500,00 801.000,00
LE 572.500,00 362.000,00 934.500,00
TA 337.500,00 303.500,00 641.000,00
Puglia 2.500.000,00 € 2.500.000,00 € 5.000.000,00 €

 

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^

La Giunta regionale ha approvato l’istituzione del Gruppo Tecnico Operativo per l’attuazione dei Programmi di Screening oncologici (previsto dal Piano regionale di prevenzione 2014/2018), nominandone i componenti.

In considerazione di livelli di copertura ancora non allineati agli standard nazionali e con sensibili differenze tra le diverse realtà aziendali, emerge la necessità che l’attività degli screening oncologici sia coordinata da parte di un nucleo centralizzato che permetta di superare i gap di performance registrati fra le varie ASL. Inoltre a livello ministeriale, Regione Puglia è stata sollecitata a produrre una riformulazione organizzativa, con la messa a punto, da un lato, di sistemi di re-ingegnerizzazione dello screening spontaneo, prevedendo procedure che consentano il dialogo e l’interconnessione al sistema Informativo regionale anche ad operatori sanitari diversi (operatore CUP/farmacista/MMG) in grado di intercettare la richiesta spontanea; dall’altro, di monitorare costantemente i flussi e di fornire correttivi/ cambiamenti/ soluzioni operative in presenza di ostacoli che rallentano la performance attesa.

Il modello di governance per gli screening oncologici, confermando l’autonomia organizzativa delle singole ASL, e quindi richiedendo la nomina di un referente operativo (1 per ciascuna azienda) con piena delega ad operare sia all’interno della ASL di appartenenza sia all’interno del gruppo tecnico operativo per l’attuazione dei Programmi di Screening oncologici, prevede anche una cabina di regia regionale, alla quale partecipano i Direttori Generali e i Direttori Sanitari delle AA.SS.LL.



Il Gruppo tecnico operativo screening oncologici risulta composto:



Dott. Stefano Termite Direttore del Servizio Igiene e Sanità pubblica ASL Brindisi
Dott. Fabrizio Quarta Direttore Unità operativa statistica ed Epidemiologia ASL Lecce
Dott. Domenico Martinelli Dirigente medico del centro aziendale Screening Asl Foggia
Dott.ssa Angela Belsanti Dirigente medico ginecologo DSS n. 2 Andria. ASL BAT
Dott. Domenico Lagravinese Direttore Dipartimento di prevenzione ASL Bari
Dott. Antonio Pesare Dirigente medico Responsabile U.O. Epidemiologia e Coordinamento Attività di Educazione Sanitaria- Dipartimento di prevenzione ASL Taranto

Il Piano prevede che il Gruppo tecnico operativo sia composto, oltre che dai rappresentanti di ciascuna ASL anche dal Direttore del Dipartimento salute (o suo delegato), dal Commissario straordinario ARES puglia (o suo delegato), dal Direttore Sanitario dell’IRCCS Oncologico (o suo delegato).

 

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mar, 04 Luglio 2017 @ 17:28  » Comunicati sedute Giunta Regionale «
G.r.: Piano riordino ospedaliero. Ok posti letto e preintese case di cura


La Giunta regionale ha approvato oggi le pre intese con le Case di Cura private accreditate ai sensi del Decreto ministeriale 70 del 2015, in attuazione del Piano di riordino ospedaliero.

Le pre intese, discusse e condivise da tutte le 25 case di cura private accreditate, fanno particolare riferimento alla distribuzione dei posti letto delle Case di Cura private accreditate.

Con l’approvazione delle pre intese, la distribuzione complessiva dei posti letto è la seguente:
13.307 posti letto, di cui 11.415 acuti, 1.468 post acuti e 424 per lungodegenza.
La rimodulazione invece dei posti letto degli Enti Ecclesiastici viene rimandata ad un successivo provvedimento della Giunta regionale da adottarsi entro il 31 ottobre di quest’anno.

La Giunta ha stabilito anche che entro il 31 dicembre del 2018 dovranno essere concluse tutte le procedure di autorizzazione e accreditamento istituzionale dei posti letto, di cui si parla nelle pre intese sottoscritte.

La Giunta ha anche stabilito che l’attuazione del riordino ospedaliero deve avvenire nei termini previsti dal D.M. n. 70/2015 e comunque entro il 2017 nella misura dell’80% di quanto previsto e per il restante 20% entro il 2018 compatibilmente con gli adeguamenti anche strutturali delle strutture ospitanti i nuovi reparti e quindi a conclusione delle procedure di autorizzazione all’esercizio e di accreditamento istituzionale, sempre nel pieno rispetto della tempificazione indicata nel Piano Operativo 2016-2018.

Per quanto riguarda invece le due Aziende Ospedaliero Universitarie (Policlinico di Bari e “OO.RR.” di Foggia) si è reso necessario operare un allineamento della distribuzione dei posti letto tra il DM 70 e i protocolli d’intesa sottoscritti con la Regione. La proposta riallineata è stata inviata ai Ministeri affiancanti (Ministero della Salute e Ministero dell’Economia e delle Finanze).

 

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mar, 04 Luglio 2017 @ 17:20  » Comunicati sedute Giunta Regionale «
Giunta approva "definizione agevolata tassa automobilistica”

 Più economico risolvere le pendenze comprese tra 2005 e 2016


La Giunta regionale, riunita in sessione straordinaria durante i lavori del Consiglio regionale, ha approvato la “ Definizione agevolata della Tassa automobilistica regionale”.
Attraverso la compilazione di un apposito modulo, il proprietario di un automezzo che avesse ricevuto la notifica di una cartella , di pagamento relativa a ruoli affidati all’Agente della Riscossione dal 2005 al 2016, “a seguito dell’omesso e/o insufficiente versamento della tassa automobilistica regionale, deve manifestare la sua volontà di avvalersi della definizione agevolata di cui al comma 2 dell’art. 65 della legge regionale n. 40 del 2016 rendendo, entro il 30 settembre 2017, apposita dichiarazione”, contenuta, unitamente alla modulistica, alla delibera approvata oggi e che verrà pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione e sul Portale Tributi della Regione Puglia.
In tale dichiarazione il debitore dovrà indicare anche la pendenza di eventuali giudizi aventi ad oggetto i carichi cui si riferisce la dichiarazione stessa, assumendo l’impegno a rinunciare agli stessi giudizi. Entro la stessa data del 31 ottobre 2017, il debitore può integrare, con le predette modalità la dichiarazione presentata anteriormente a tale data.

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Lun, 03 Luglio 2017 @ 16:05  » Comunicati sedute Giunta Regionale «
S.R. 8 :Ulteriore passo in avanti per la realizzazione del Progetto di Variante

 

Definitivamente approvate, dalla Giunta regionale e su proposta dell’assessore alle Infrastrutture, Giovanni Giannini, le varianti urbanistiche agli strumenti vigenti nei Comuni di Lecce, Lizzanello e Melendugno e propedeutiche alla realizzazione del Progetto di Variante della Strada Regionale n. 8 Lecce-Melendugno, redatto in adeguamento della sentenza del Consiglio di Stato n. 531/16 e del parere di VIA di cui alla DD n. 289/15.
Il tracciato definito dalla soluzione progettuale approvata prevede una strada a due corsie sezione C1 dalla tangenziale di Lecce (uscita Fondone) sino alla rotatoria Giardini di Atena nel comune di Lizzanello, unico tratto ubicato in sede propria in adiacenza ad una strada interpoderale esistente che viene conservata e valorizzata; in parallelo ed a supporto di a tale tratto si prevede la messa in sicurezza dell'esistente SP1, attualmente inurbata e con ridotta capacità di traffico. Dopo la rotatoria suindicata si prosegue con un tratto a 4 corsie e complanari, laddove necessarie, fino all'ingresso di Vernole: le 4 corsie consentiranno di assorbire il maggior volume di traffico che ivi si concentra sommando quello locale al traffico turistico verso le marine. La strada prosegue, quindi, fino a Melendugno con sezione di tipo C1 a due corsie, servita da complanari di disimpegno, fino all'uscita da Melendugno.
Non sono più interessate le aree che hanno prodotto, a suo tempo, il contenzioso sfociato nei giudizi di cui detto innanzi e si è posta particolare attenzione anche alla finalità di ridurre l'impatto sulla integrità delle proprietà intaccate dai lavori.
Ad esclusione del primo tratto, tutte le opere sono previste in allargamento del tracciato esistente della SP1 ed SP2, prevalentemente nell'ambito delle fasce di rispetto. Sono state stralciate definitivamente dal progetto di variante approvato le cosiddette circonvallazioni di Vernole e di Melendugno. Quanto sopra al fine di ridurre al minimo l'impatto sui valori ambientali attraversati.
Non è prevista la demolizione o l'interessamento di alcun bene monumentale o di valore storico e/o paesaggistico, nel mentre si riducono ulteriormente gli alberi di ulivo da espiantare (monumentali e non) che, comunque, compatibilmente con le norme anti xylella è previsto che siano tutti reimpiantati nelle immediate vicinanze.
Giova rammentare che il progetto prevede, quale opera di compensazione e di necessaria integrazione con il territorio, la realizzazione di un percorso ciclabile che partendo dalla Stazione Ferroviaria di Lecce arriva fino alla Marina di San Foca in parte su piste ciclabili adiacenti la nuova arteria ed in parte riutilizzando ed attrezzando opportunamente alcuni percorsi sub rurali esistenti, subparalleli alla SR8 e di particolare fascino paesaggistico.
Con tale ultima elaborazione del progetto la Giunta regionale ha inteso riaffermare la priorità e l'importanza dell'opera di che trattasi che, pur con le differenze, in positivo, rispetto all'originale cosiddetta Circumsalentina, rappresenta oggi una importante arteria finalizzata a collettare il traffico turistico nel Salento indubbiamente in crescita al pari dell'attrattività turistica. Nel contempo si è provveduto ad alleggerire l'impatto sul territorio e sul particolare paesaggio attraversato, minimizzandone le interferenze ma sempre con la finalità di assicurare il migliore compromesso con la sicurezza. Sì, la sicurezza, perchè non è la velocità di percorrenza il fine perseguito, che pure sarà inevitabilmente migliorata, bensì la riduzione della pericolosità che consegue alla razionalizzazione degli incroci e delle immissioni laterali.
Da ora in poi la Sezione LL.PP. provvederà agli adempimenti di propria competenza dirigenziale (espropri, ecc) che in un ragionevole lasso di tempo consentiranno la riapertura del cantiere con il ritorno al lavoro delle maestranze.

 

 

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Gio, 29 Giugno 2017 @ 13:22  » Comunicati sedute Giunta Regionale «
Giunta regionale.Altri provvedimenti

 

Di seguito, la sintesi di altri argomenti discussi ed approvati dalla Giunta regionale:

La Giunta regionale ha approvato uno schema di convenzione da sottoscrivere con PugliaPromozione. Le parti si impegnano a realizzare iniziative tese al rilancio dell’immagine della Città di Taranto come polo turistico e culturale.
Per le attività di programmazione, promozione e comunicazione per lo sviluppo armonico del turismo e per la valorizzazione del territorio tarantino ai fini turistici e culturali, la Regione ha riconosciuto a PugliaPromozione un importo complessivo di 300mila euro.
^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
La Giunta regionale ha disposto l’adesione della Regione Puglia all’Associazione Internazionale per la Biennale dei Giovani Creatori dell’Europa e del Mediterraneo- B.J.C.E.M., con sede a Torino, per l’anno 2017-06-26. A carico del bilancio regionale,€ 3.575,00

^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^^
La Giunta regionale ha autorizzato l’Accordo tra la stessa Regione ed il Comune di Nardò per la redazione del Piano di gestione SIC “ Palude del Conte, Dune di Punta Prosciutto”

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mar, 27 Giugno 2017 @ 19:37  » Comunicati sedute Giunta Regionale «
Giunta:ok a bando per formazione cassintegrati a zero ore


Con un impegno di spesa di 10 milioni di euro, la Giunta Regionale ha approvato, su proposta dell’Assessore all’istruzione, alla formazione e al lavoro della Regione Puglia Sebastiano Leo, il nuovo Avviso Pubblico “Formazione a sostegno dei lavoratori in cassa integrazione a zero ore”
“Uno strumento indispensabile per sostenere la riqualificazione dei lavoratori in cassa integrazione guadagni a zero ore. Persone che rischiano l’espulsione dal mercato del lavoro e che grazie a questo bando potranno accrescere, migliorare e diversificare le proprie competenze professionali potenziando la loro occupabilità”, ha commentato l’Assessore Leo.
“Tramite un buono – ha specificato l’assessore – inteso come incentivo economico di natura individuale, il lavoratore potrà frequentare uno dei corsi di formazione professionale previsti dal nostro catalogo regionale. Grazie a questo Avviso potranno riqualificarsi decine e decine di lavoratori in CIG a zero ore, che – insieme ai percettori che saranno riqualificati tramite la riedizione del bando Welfare to Work – rappresentano una platea importante di donne e uomini che potranno trovare nuova collocazione nel mercato del lavoro. Con la formazione per i percettori e per i cassintegrati, con i piani formativi aziendali e con il bando Pass imprese che si rivolge ai singoli imprenditori, completiamo la gamma degli interventi formativi a sostegno dei lavoratori e dell’impresa, favorendo al contempo la competitività delle nostre aziende e l’inclusione sociale dei lavoratori”, ha concluso Leo.

Potranno candidarsi ad erogare gli interventi formativi gli enti di formazione che, alla data di presentazione della candidatura relativa al presente avviso, risultino accreditati ai sensi della normativa regionale vigente. Per presentare la propria candidatura, gli enti di formazione dovranno registrarsi sulla piattaforma regionale www.sistema.puglia.it . La candidatura dovrà essere presentata esclusivamente in via telematica secondo la procedura prevista nel sistema informativo e non saranno ammesse candidature presentate con modalità differenti.
Gli interventi di cui al presente avviso sono finanziati con le risorse del Programma Operativo Regionale PUGLIA 2014/2020 per un importo complessivo di € 10.000.000,00 (euro 10 milioni/00).

 

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mar, 27 Giugno 2017 @ 19:33  » Comunicati sedute Giunta Regionale «
Ferrotramviaria Bari Lamasinata-Quartiere San Paolo : la nuova stazione Cecilia

Di Seguito una nota dell’assessore alle Infrastrutture,Giovanni Giannini:

“I servizi della linea metropolitana del Quartiere San Paolo di Bari si arricchiscono di una nuova offerta all’utenza con l’apertura della stazione ferroviaria “Cecilia” in prolungamento dall’Ospedale San Paolo.

“La Regione Puglia in esito al positivo provvedimento dell’Agenzia Nazionale per la Circolazione Ferroviaria rilasciato lo scorso 22.06.2017, nonché all’istanza della Ferrotramviaria di oggi 27.06, ha autorizzato, in giunta, la sottoscrizione del contratto di servizio integrativo a quello vigente con l’estensione dei servizi.

“Arriva dunque a conclusione il complesso iter autorizzativo che, successivamente al decreto del Ministro Del Rio del 5 agosto 2016, ha inserito la linea della Ferrotramviaria tra le linee facenti parte dello spazio unico ferroviario, spostando le competenze sulla sicurezza delle ferrovie regionali interconnesse, dagli uffici ministeriali dell’Ustif a quelli dell’Agenzia nazionale per la sicurezza ferroviaria.

“Questa importantissima infrastruttura finanziata per complessivi 25,4 M€ dal PO FESR 2007/2013 e dalle risorse nazionale della legge 211/1992, integra un altro importante pezzo di città al tracciato metropolitano della ferrovia regionale.

“Abbiamo tessuto con pazienza, tenacia e determinazione la fitta trama tecnico-amministrativa che la sovrapposizione di competenze, in un processo già avviato, aveva reso all’inizio complesso e pieno di nodi.
“Ricordiamo che, ai sensi dell’art. 8, comma 8 del D.Lgs. 10 agosto 2007, n. 162, il gestore di un’infrastruttura ferroviaria apre al pubblico esercizio linee ferroviarie nuove o rinnovate, o con i sottosistemi di natura strutturale nuovi o modificati, dopo aver acquisito le certificazioni, le omologazioni e le autorizzazioni, nonché tutti i permessi necessari ai sensi delle vigenti normative.

La Regione ha preteso e ottenuto che fossero risolte prioritariamente le questioni relative alla sicurezza della circolazione ferroviaria anche a fronte delle disinformate e superficiali prese di posizione di chi premeva per l’apertura della linea. Ottenuto come detto il nulla osta dell’ANSF, nonché la richiesta del gestore dell’infrastruttura di sottoscrizione dell’estensione contrattuale, la Giunta regionale ha immediatamente approvato la delibera, già pronta da tempo.
Sottoscritto il contratto, Ferrotramviaria procederà all’apertura della linea nei tempi che la stessa società individuerà e provvederà a comunicare all’utenza.

“Guardiamo ora con rinnovato slancio all’avvio del procedimento per la successiva tratta che, dalla nuova stazione Cecilia, allungherà la linea sino a Viale delle Regioni, con risorse sul Fondo per lo Sviluppo e la Coesione, pari a 36M€.”

 

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Mar, 27 Giugno 2017 @ 19:22  » Comunicati sedute Giunta Regionale «
Infopoint in Puglia: Giunta approva le linee guida e il bando per i Comuni

 

E intanto per il TCI la puglia è fra le regioni più scelte per l’estate 2017
Loredana Capone: “Investiamo per una accoglienza di qualità”


Sarà un’estate da record quella del 2017 per il turismo in Puglia e per questo è necessario e urgente potenziare e qualificare l’accoglienza.
Seguendo gli indirizzi del Piano Strategico Regionale del Turismo Puglia365, sono state approvate le Linee Guida relative al coordinamento e alla qualificazione del sistema dell’accoglienza turistica locale che definiscono gli standard minimi di qualità e di funzionamento degli Uffici Info-Point turistici dei Comuni aderenti alla Rete Regionale.

In attesa dell’iter per l’adeguamento estetico e funzionale degli Info-point previsto proprio dalle Linee Guida, l’Agenzia Regionale del Turismo Pugliapromozione, in vista dell’imminente stagione estiva, ha messo a punto un Avviso Pubblico rivolto ai Comuni titolari di Uffici Info-Point turistici della Rete Regionale per la realizzazione di interventi a sostegno della qualificazione e del potenziamento, con l’intento di garantire ai turisti una maggiore qualità ed omogeneità dei livelli dei servizi offerti al pubblico già a partire dal mese di agosto. Che l’estate 2017 sarà da record viene confermato non solo dall’ottimismo degli operatori turistici,ma anche da un’indagine del Centro Studi TCI sulle intenzioni di viaggio della community Touring dalla quale emerge che oltre il 90% degli italiani andrà in vacanza la prossima estate e il 58% sceglierà l’Italia. La Puglia è sul podio delle scelte dopo il Trentino-Alto Adige (16%), e a pari merito con la Sardegna, (13%), prima della Sicilia (11%) che quest’anno ha scalzato la Toscana. In Puglia le mete preferite sono Salento, Tremiti e Gargano.
“Consideriamo questa scelta della Puglia un atto di fiducia dei viaggiatori che ci dobbiamo meritare. Il turismo è' davvero un settore in espansione e dobbiamo approfittare di questo trend positivo con attività di promozione ma anche e soprattutto di potenziamento e qualificazione dell'accoglienza su cui stia investendo. – commenta l’Assessore Loredana Capone - Abbiamo approvato in Giunta la delibera sulle nuove linee guida e l'approvazione del bando per i comuni diretto al rafforza degli infopoint. Le proposte progettuali, presentate dai Comuni per interventi da realizzarsi nei periodi dall’1 agosto al 30 settembre 2017 e dall’1 ottobre 2017 al 15 gennaio 2018, avranno lo scopo di potenziare il servizio on-desk, migliorare la travel experience dei turisti utenti in visita negli Info-Point turistici innescando processi virtuosi di fidelizzazione e consolidamento della brand identity.”

Gli interventi di qualificazione e potenziamento potranno consistere in:
a) prolungamento degli orari di apertura;
b) implementazione delle dotazioni tecnologiche di comunicazione on-line e di gestione delle attività di social media marketing e social customer service;
c) introduzione di figure professionali con competenze specifiche;
d) adozione di badge e divise dal layout coordinato;
e) realizzazione di attività di animazione on-site (ambientate nei locali stessi degli Info-Point turistici o negli spazi immediatamente attigui);
f) rilevamento informatizzato dei dati sull’affluenza e sull’indice di gradimento.

Per la realizzazione degli interventi oggetto del presente Avviso, il budget complessivo a disposizione dell’Agenzia Pugliapromozione è pari a € 1.100.000,00.

 

 

Visualizza in formato pdf  Condividi via email Condividi su facebook Condividi su Twitter
Ven, 23 Giugno 2017 @ 12:29  » Comunicati sedute Giunta Regionale «
(PressRegione - Agenzia Giornalistica,
Direttore responsabile Elena Laterza - Iscritta al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n. 26/2003)