Direttore responsabile: Dott.ssa Antonella Bisceglia
Bandiera Europa




Programma Operativo Leader+

Piani di Sviluppo Locale

GAL "Capo S. Maria di Leuca" s.r.l

Il Piano di Sviluppo Locale interessa l'area geografico-amministrativa formata da 17 comuni compresi nella parte meridionale della provincia di Lecce e nel loro insieme definiti come "Terra dei due Mari". Essi sono: Acquarica del Capo, Cutrofiano, Giuggianello, Giurdignano, Minervino di Lecce, Otranto, Poggiardo, Ruffano, Salve, Sanarica, San Cassiano, Santa Cesarea Terme, Specchia, Supersano, Tricase, Ugento, Uggiano La Chiesa. Questo territorio riassume tutto l'insieme di caratteristiche orografiche, pedologiche e dell'insediamento umano della penisola salentina: le varie tipologie di costa, i rilievi delle serre salentine, le parti in pianura con i vari gradi di destinazioni colturali e di fertilità dei terreni agricoli, la gamma di comuni di varie dimensioni, tutti situati a breve distanza uno dall'altro e uniti da una fitta rete di viabilità minore. Altrettanto omogeneo e' il tipo di produzioni, sia agricole che manifatturiere. Le prime basate sostanzialmente sulla coltura dell'olivo, le seconde prevalentemente collocate nel comparto del tessile-abbigliamento.

GAL "Luoghi del Mito" s.c.a.r.l.

Il Piano di Sviluppo Locale interessa l'area geografico-amministrativa formata da 6 comuni compresi nella parte occidentale della provincia di Taranto. Essi sono: Castellaneta, Ginosa, Mottola, Laterza, Palagianello, Palagiano.
Geograficamente la zona e' delimitata ad ovest dal confine regionale lucano, a nord dalla Murge baresi, ad est dalla restante parte della provincia di Taranto ed a sud dal litorale Jonico . L'orografia dell'area si connota per la presenza di zone pianeggianti, colline ed altipiani. L'idrografia del territorio e' condizionata dal fenomeno carsico e dal differente indice di piovosità tra zone collinari, e zone pianeggianti. L' area, ha un territorio prevalentemente collinare (77,7%), mentre la pianura rappresenta solo il 22,3%. I settori economici prevalenti dell'Area Leader+ sono il settore "Agricoltura, caccia e silvicoltura" e il settore "Commercio ingrosso e dettaglio". Altri settori degni di nota risultano quello delle "costruzioni" e quello "manifatturiero". Tra le produzioni artigianali tipiche dell'area particolare rilievo assume per il comune di Laterza l'artigianato figulo con la produzione della famosa "Maiolica di Laterza".

GAL "Alto Salento" s.r.l.

L'Area Leader+ "Alto Salento" comprende i territori amministrativi dei comuni di Ostuni, Ceglie Messapica, Carovigno, San Vito dei Normanni, San Michele Salentino.
Nell'area ricadono alcune zone classificate "svantaggiate" ai sensi della Direttiva CEE 237/75 e successiva decisione n. 167/84, ed appartenenti ai comuni di Ceglie Messapica (intero territorio), S. Michele Salentino (intero territorio) ed Ostuni (Km2 133,00) per una superficie complessiva di Km2 289,48, pari al 52,5% della superficie totale dell'area Leader+.
I settori economici prevalenti dell'area Leader + risultano "Agricoltura, caccia e silvicoltura" mentre "Commercio ingrosso e dettaglio" si colloca al secondo posto seguito dal settore "Costruzioni" decisamente più distaccato, insieme con il settore delle "Attività Manifatturiere".

GAL "Meridaunia" s.c.a r.l

Il Gal Meridaunia e' situato nel territorio interno sud-occidentale della Capitanata, al confine della Puglia con la Basilicata a sud-ovest e con la Campania ad ovest e nord-ovest; a nord si estende il territorio della Comunità Montana dei Monti Dauni Settentrionali e ad est la pianura del Tavoliere, di cui include il popoloso comune di Lucera.
Il comprensorio amministrativo e' formato dai territori dei seguenti comuni: Accadia, Anzano di Puglia, Ascoli Satriano, Bovino, Candela, Castelluccio dei Sauri, Castelluccio Valmaggiore, Celle di San Vito, Deliceto, Faeto, Lucera, Monteleone di Puglia, Orsara di Puglia, Panni, Rocchetta Sant'Antonio, Sant'Agata di Puglia, Troia.
Il territorio si presenta concentrato nel quadrante sud-occidentale della provincia di Foggia e, per configurazione fisica, si pone in continuità con i territori delle province di Benevento e di Potenza, poiché presenta caratteri climatici, geomorfologici, orografici, pedologici e floro-faunistici comuni a queste ultime aree e, nello stesso tempo, molto diversi da quelli del resto della Capitanata, costituito prevalentemente dal territorio pianeggiante del Tavoliere verso il quale il comprensorio degrada in direzione est, includendo i comuni di Lucera e Troia.

GAL Gargano s.c.a.r.l. c/o Comunita' Montana del Gargano

L'area oggetto del Piano di Sviluppo Leader e' situata nella parte settentrionale e occidentale della Provincia di Foggia. Essa coincide quasi completamente con il promontorio del Gargano ed e' bagnata dal mare Adriatico.
In essa sono compresi i territori dei seguenti comuni tutti all'interno della provincia di Foggia: Cagnano Varano, Carpino, Ischitella, Mattinata, Monte Sant'Angelo, Garganico, Rodi Garganico, Sannicandro, San Marco in Lamis, Vieste. L'area del GAL, che coincide con il promontorio garganico quasi nella sua interezza, presenta un andamento territoriale notevolmente diversificato: la penisola emerge prepotentemente dal mare differenziandosi notevolmente dalla parte interna, e pianeggiante, della provincia di Foggia. L'accentuata montuosità della costa risulta essere una peculiarità assoluta rispetto al resto della fascia costiera adriatica a sud di Ancona. Il carattere morfologico ha inciso notevolmente sulle prospettive di sviluppo, emarginando l'area rispetto alle consuete vie commerciali e di comunicazione pugliesi e impedendo o ostacolando l'istallazione di attività produttive sia agricole che manifatturiere con modalità industriali.

GAL "Piana Del Tavoliere" s.c.a.r.l.

L'Area Leader+ "Piana del Tavoliere" comprende i territori amministrativi dei comuni di: Carapelle, Cerignola, Orta Nova, Ordina, Stornarella, Stornara.
Il territorio e' posto nella parte meridionale della regione agraria della Pianura della Capitanata, nel quadrante meridionale della provincia di Foggia. L'analisi del sistema produttivo locale conferma l'importanza del comparto agricolo per un territorio che "seppur con caratteristiche e peculiarità sia morfologiche che sociali diverse presenta la stessa vocazione sia agricola, sia legata alla trasformazione di prodotti alimentari, in particolare alla lavorazione e conservazione di frutta e ortaggi".

GAL Daunofantino s.r.l.

Il Piano di Sviluppo Locale interessa l'area geografico-amministrativa formata da 4 comuni della provincia di Foggia. Essi sono: Manfredonia, San Ferdinando di Puglia, Trinitapoli, Zapponeta.
Il territorio di riferimento del GAL comprende gran parte del tratto di litorale costiero adriatico compreso fra la foce dell'Ofanto e le pendici del massiccio garganico (Manfredonia e Zapponeta) e parte significativa del territorio della riva sinistra (idraulica) del fiume Ofanto (Trinitapoli e San Ferdinando di Puglia).
Esso puo' considerarsi un ambiente complesso con un'alta compresenza di sistemi ecologici diversi ed e' inteso quale territorio di transizione e nodo ambientale fra gli ambiti fluviali e quelli delle lagune salmastre costiere, dove il sistema delle aree naturali protette si configura all'interno del territorio del GAL in maniera tale da definire continuità naturali ed il litorale costiero definisce un ambiente continuo di naturalità delimitato dall'Ofanto, dal sistema delle aree SIC ed il Parco Nazionale del Gargano.

GAL Nord Ovest Salento "Terra d'Arneo"

L'area interessata dal PLS si colloca nella parte nord-ovest della provincia di Lecce, ai confini con le province di Taranto e Brindisi, ed e' costituita da cinque comuni: Guagnano, Nardo', Porto Cesareo, Salice Salentino e Veglie. La geografia dell'Arneo non si presenta con caratteri fisici ben definiti. Infatti, con questa denominazione si suole indicare quella parte della penisola salentina che lungo la costa ionica si estende da Torre Inserraglio a Punta Prosciutto e nell'entroterra tra i comuni di Nardo', Veglie, Avetrana fino a Manduria.
L'agricoltura del comprensorio di Terra d'Arneo esprime vocazioni e indirizzi colturali molto netti e immediatamente riconoscibili. Oltre un quarto della SAU e' coltivato a ulivo, circa altrettanto a vite. Cereali e ortive coprono quote altrettanto significative. Infine appare non trascurabile il patrimonio zootecnico, in particolare ovi-caprino del quale va evidenziato il potenziale di contributo, messo in evidenza nel PLS, alla produzione di prodotti tipici caseari.

GAL "Terre del Primitivo" s.c.r.l.

L'area interessata all'attuazione al Piano di Sviluppo Locale (PSL) ricade nei territori amministrativi dei seguenti comuni: Erchie, Oria, Torre Santa Susanna, Avetrana, Lizzano, Manduria, Maruggio, Torricella. La superficie interessata risulta esclusivamente pianeggiante, difatti, la ripartizione per zona altimetrica vede la collocazione di tutti i comuni in zone di pianura.
Il tessuto imprenditoriale che si ritrova nel territorio interessato dal PSL risulta caratterizzato da un notevole numero di piccole imprese con un numero di addetti medio, di poco superiore ad una unità, rispetto alle quasi due unità espresse dal dato medio regionale. Anche in questo caso il settore maggiormente rappresentativo per numero di imprese e' quello agricolo. Seguono per numero di imprese i settori del commercio e delle attività manifatturiere.