Direttore responsabile: Dott.ssa Antonella Bisceglia
Bandiera Europa





Press Regione

(PressRegione - Agenzia Giornalistica,
Direttore responsabile Elena Laterza - Iscritta al Registro della Stampa presso il Tribunale di Bari n. 26/2003)
Minervini:"G.Lisa non chiude,stop a finanziamenti regionali,arrivano le navette"
“La notizia della sospensione dei voli ci coglie con amarezza ma non lasciamo a terra i foggiani”. Ha esordito così l’assessore alle infrastrutture e mobilità Guglielmo Minervini nella conferenza stampa che si è tenuta questa mattina a Bari, a seguito della comunicazione da parte della compagnia aerea Darwin di non decollare più dal Gino Lisa a partire dal 7 novembre. “La Regione – ha spiegato Minervini - è stata l’unico ente a credere fortemente nelle potenzialità dello scalo foggiano e la dimostrazione inoppugnabile sono gli oltre 27 milioni di euro garantiti dal 2008 ad oggi. Non abbiamo, quanto all’attività svolta, imbarazzo da nascondere o senso di colpa da rimuovere. Abbiamo fatto quello che potevamo con il limite infrastrutturale della pista". A questi investimenti si devono poi aggiungere i 2,5 milioni di euro l’anno di costi sostenuti da Aeroporti di Puglia per i servizi sullo scalo foggiano. Il 30 settembre è terminato il periodo contrattuale supportato dai contributi di start-up delle rotte Foggia - Milano Malpensa, Foggia – Torino, Foggia – Palermo e dall’1 ottobre è iniziato il periodo a totale rischio commerciale a carico di Darwin. Mediamente nell’ultimo anno hanno viaggiato sull’ aeromobile SAAB da 50 posti della Darwin 30 passeggeri per ogni volo, con un coefficiente di riempimento del 60% per un totale di circa 65.000 passeggeri (32.500 in arrivo o in partenza). Nell’ultimo mese, il primo a mercato, anche se solo con un parziale incremento delle tariffe, si è registrato una media di 28 passeggeri per volo, con un coefficiente di riempimento del 56%, in netto calo rispetto all’anno precedente e la compagnia ha comunicato per i mesi di novembre e dicembre un calo che va dal 56% su Milano al 79% su Palermo rispetto allo scorso anno. Insomma 4 o 5 passeggeri garantiti per volo e una perdita di gestione, nel solo mese di ottobre di 500.000 euro che sarebbe triplicata arrivando a fine anno, ha spinto la Darwin alla drastica decisione. “I dati – ha sottolineato l’assessore alle infrastrutture - in questi giorni si stanno ammassando con una certa dote di approssimazione ed è bene chiarirli. L’incremento progressivo del traffico è indubbio, ma è stato alimentato da uno straordinario contributo pubblico pari a 100 euro per passeggero per Milano Malpensa e Torino e 34,50 euro per Palermo. Lo scorso anno, nonostante il rischio, abbiamo effettuato un analogo investimento confidando nella risposta del sistema territoriale. Ma la Regione in questi anni è stato l’unico ente che si è esposto. Ormai per il contributo di start up ci sono limiti temporali definiti dall’Unione Europea che abbiamo raggiunto. Non c’è decisione da assumere, le norme ce lo impediscono e l’autonomia finanziaria della regione non consente altro. Oggi con i vincoli del patto di stabilità, con gli impietosi tagli al trasporto pubblico locale per il prossimo anno, le problematiche gravissime per onorare il contratto di Trenitalia a causa dei mancati trasferimenti, non ci sono più le condizioni per interventi assistenziali”. La partita per la Capitanata vista sul piano delle opportunità resta aperta e Minervini l’ha sintetizzata in tre punti: “Il Gino Lisa non chiude. Lo scalo rimarrà aperto e sul mercato a caccia di altri vettori. Non ci saranno riflessi occupazionali e resta intatta la disponibilità di Adp di erogare servizi. Il programma di investimenti non si interrompe. Resta una priorità l’allungamento della pista per il quale la Regione ha inserito all’interno del Piano Sud i 14 milioni necessari alla sua realizzazione e si andrà avanti con gli adempimenti amministrativi e urbanistici. Siamo già al lavoro per garantire a tutti i cittadini l’accesso alla mobilità aerea offrendo dal 1 gennaio tra Foggia e l’aeroporto di Bari almeno sei coppie di collegamenti in autobus al giorno, che permetteranno ai foggiani di affacciarsi su un bacino di 50 collegamenti nazionali e internazionali anche low cost”. Infine guardando in prospettiva al sistema regionale Minervini ha illustrato gli interventi sulle infrastrutture per oltre 247 milioni di euro che la Regione ha programmato e ha in corso nella sola provincia di Foggia. “Con la velocizzazione e il raddoppio della S. Severo-Apricena-Sannicandro e della S.Severo-Peschici mettiamo in connessione il Gargano e il sub appennino dauno con il capoluogo in poco più di un’ora. Oltre agli interventi di messa in sicurezza delle strade, Foggia diverrà un nodo di scambio intermodale per persone e merci, attraverso il collegamento ferroviario con la piastra logistica di Incoronata. Non si può, dunque, parlare di scarsa attenzione. Svincolando il legame simbolico che c’è tra Foggia e il suo aeroporto, abbiamo il dovere di lavorare in modo forte, deciso e efficace sul diritto di accesso alla mobilità per tutti i cittadini e sull’economia che realmente si genera”.

Alla conferenza stampa ha partecipato anche l'AU di Aeroporti di Puglia, Domenico di Paola.

Condividi via email  Visualizza in formato pdf Condividi su facebook Condividi su Twitter
Data: Mer, 26 Ottobre 2011 @ 16:26
Categoria: Comunicati S. Stampa Giunta
Scritto da: