SEI QUI:

Aiom. I numeri del cancro in Italia. 2017

L'Associazione italiana di oncologia medica (Aiom), in collaborazione con l'Associazione Italiana Registri Tumori (AIRTUM), pubblica il report annuale "I numeri del cancro in Italia. 2017" che traccia la geografia dei tumori, con un livello di dettaglio regionale. I dati provengono dai Registri Tumori (RT), strutture deputate alla raccolta e all'analisi dei dati di incidenza, sopravvivenza e prevalenza dei tumori maligni che si manifestano in una data popolazione. L'attività di registrazione avviene in maniera attiva, utilizzando fonti primarie (SDO, ecc) e fonti accessorie, adottando standard prodotti a livello nazionale (Manuale AIRTUM) ed internazionale (International Agency for Research on Cancer). I dati dei RT italiani interessano quasi 34 milioni di residenti, pari al 57% della popolazione italiana. Il tasso d'incidenza per i diversi tumori è più basso al Sud, sia per le femmine che per i maschi. "Il trend di incidenza appare in netto calo negli uomini e stabile nelle donne: calano i tumori dello stomaco e del colon-retto (in gran parte attribuibile agli effetti dello screening oncologico che permette di interrompere la sequenza adenoma-carcinoma) e diminuiscono le leucemie. Negli uomini continua il calo dei tumori del polmone e della prostata, e nelle donne dell'utero e dell'ovaio. In entrambi i generi continua il trend in crescita dei tumori del pancreas, del melanoma e dei tumori della tiroide. Negli uomini continua ad aumentare il tumore del testicolo, e nelle donne il tumore del polmone ed in età 45-49 e 70+ anni (che sono le fasce di età nelle quali si è avuto un ampliamento dello screening programmato) il tumore della mammella. Per quanto riguarda le differenze geografiche, persiste una difformità tra l'incidenza registrata nelle Regioni del Nord rispetto alle Regioni del Centro e Sud sia negli uomini sia nelle donne.". Per gli approfondimenti si può consultare la fonte.
 

Monday, 18 Sep 2017 - 08:47