SEI QUI:

Epicentro. Dati nazionali 2016: vaccinazione antirosolia e antinfluenzale

Il Centro nazionale di epidemiologia, sorveglianza e promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità (Epicentro) pubblica i dati 2016 riguardanti la vaccinazione antirosolia e antinfluenzale. "Dalle informazioni raccolte dalla sorveglianza Passi emerge con forza la scarsa consapevolezza, fra le donne in età fertile, del problema legato all'infezione rubeolica in gravidanza. Infatti, anche se la quota di donne certamente suscettibili alla rosolia può sembrare relativamente contenuta (quasi il 2%), un numero piuttosto alto, più di una donna su tre (35%), non è a conoscenza del proprio stato immunitario nei confronti di questa infezione. Riguardo il ricorso alla vaccinazione antinfluenzale, i dati nazionali Passi evidenziano che fra gli adulti non è molto frequente e si riduce negli anni: nel quadriennio 2013-2016, dichiarano di essersi vaccinati contro l'influenza meno del 7% degli adulti di 18-64 anni e meno del 20% di coloro che sono affetti da patologia cronica per i quali la vaccinazione è raccomandata". In Puglia, nel 2016, le donne in età fertile vaccinate per la rosolia sono il 32,7%, quelle suscettibili alla rosolia sono il 2,5%, quelle non consapevoli dello stato immunitario sono il 38,9%, quelle suscttibili alla rosalia e non consapevoli dello stato immunitario sono il 41,4%. La copertura vaccinale nei 18-64enni è dell'8,7% (6,7% a livello nazionale); la copertura vaccinale nei 18-64enni con almeno una patologia è del 27,1% (19,1% a livello nazionale); la copertura vaccinale nei 18-64enni senza patologie croniche è del 6,4% (4,6% a livello nazionale). Per gli approfondimenti si può consultare le sezioni dedicate alla vaccinazione antirosolia e alla vaccinazione antinfluenzale.

Tuesday, 10 Oct 2017 - 12:26